L'Assessorato al lavoro della Regione Campania punta all’autoimprenditorialità per il reinserimento occupazionale degli ex percettori di ammortizzatori sociali. La somma complessivamente stanziata per la manovra è di 4 milioni di euro, di cui 1,5 milioni destinati all'autoimprenditorialità femminile. La misura è stata concordata con le parti sociali (e quindi anche con Confcooperative) nell'ambito degli incontri effettuati per la gestione e destinazione delle risorse autorizzate dal Ministero del Lavoro e dal Ministero dell'Economia per gli ammortizzatori sociali in deroga. I beneficiari della misura sono ex percettori di mobilità ordinaria o in deroga (scaduta negli anni tra il 2013 e il 2017), attualmente senza reddito e residenti in Campania, nonché ex percettori di disoccupazione ordinaria, ASPI, MiniASPI, NASPI, Disoccupazione edile (223/91 e 451/94), scadute tra 2012 ed il 2017). Le iniziative imprenditoriali ammissibili sono ditte individuali o cooperative, che potranno usufruire di un finanziamento di 25.000,00 euro pro-capite e di percorsi di servizi di orientamento ed accompagnamento all'avvio delle attività, garantiti dalla società in- house della Regione, Sviluppo Campania. Con tale misura l’Assessorato al Lavoro della Regione Campania veicola risorse dalle politiche passive del lavoro a quelle attive, ovvero quelle volte a creare nuova occupazione attraverso la strada del lavoro autonomo e dell'imprenditorialità.
Tagged with: