“Siamo soddisfatti della pubblicazione del Decreto interministeriale che fissa l’obbligo per le aziende che operano in Italia di indicare l’origine del pomodoro nella lavorazione dei trasformati. È la strada giusta per valorizzare il made in Italy ed il made in Campania, con la produzione di un’eccellenza nostrana. Con questo provvedimento si tutela una filiera troppo spesso offuscata da crescenti sacche di illegalità e da lavorazioni contraffatte”.A dirlo è la Fedagri – Confcooperative Campania, rappresentata dal presidente Alfonso Di Massa, che si accoda all’entusiasmo della Federazione nazionale. “La valorizzazione del vero e autentico pomodoro nostrano passa anche attraverso la trasparenza e una catena d’acquisto consapevole. Dal livello nazionale a quello regionale, come Organizzazione, abbiamo lavorato tanto su questo argomento e proseguiremo affinché questo obbligo venga riconosciuto anche a livello europeo e quindi rispettato” conclude Di Massa.

 

Tagged with: